Con altri occhi. Un glossario visivo della cultura palestinese

Mostra temporanea

Dal 21 maggio al 2 giugno 2024

Sarà visibile dal 22 maggio al 4 giugno la mostra “Con altri occhi” – Un glossario visivo della cultura palestinese che si inserisce all’interno della campagna di Arci nazionale Con altri occhi, con l’obiettivo di raccontare la Palestina invertendo le narrazioni stereotipate e provando ad articolare una serie di proposte culturali indipendenti da diffondere nel territorio.

In questo senso, la mostra, intende focalizzare alcuni nodi simbolici e storici che riguardano il popolo palestinese, i vari diritti negati dallo stato israeliano e le strategie visive adottate per rappresentare la loro condizione, vivendo un dispositivo di narrazione delle complessità a cui deve sottostare ogni palestinese nella sua vita, dall’incertezza di avere una casa, al diritto negato agli spostamenti, alle continue violazioni di ogni diritto che riguardano anche la possibilità di coltivare e di curare il proprio sostentamento.

Attraverso il ricamo popolare, la calligrafia e attraverso i diversi linguaggi espressivi il popolo palestinese ha raccontato la propria condizione storica, le proprie tradizioni e in questo anche le piante e i frutti (come, ad esempio, le arance di Jaffa, il cactus), i vari elementi del paesaggio sono diventati simboli della lotta contro l’occupazione ed emblemi della speranza. Attraverso questa mostra vogliamo raccontare un paesaggio traumatico, segnato dalle occupazioni, da un muro di separazione, sorvegliato e devastato militarmente. In questo paesaggio, la resistenza dei simboli e dei segni (che si manifesta anche attraverso pratiche creative di arte e artigianato) è un apporto vitale alla ricostruzione di una speranza e di un varco per l’umanità e la convivenza. Partecipano alla mostra diciassette tra artiste e artisti da Italia, Tunisia, Libano, Algeria e Malesia.

La scelta di accompagnare le illustrazioni di questa mostra con alcuni versi di poeti palestinesi si basa sulla volontà di affiancare ad immagini visive alcune immagini emotive, che attraverso le figure e le costruzioni poetiche possano offrire ulteriori elementi di conoscenza e creare assonanze tra parole e segni grafici. La scelta dei versi inseriti nella mostra è infatti stata fatta a partire dalle illustrazioni stesse, al solo fine di suscitare ulteriori opportunità di riflessione e di rendere omaggio al popolo palestinese e alla sua produzione letteraria.
Questa piccola selezione di testi, alcuni di grandi nomi riconosciuti a livello mondiale – Fadwā Ṭūqān, Samīḥ al-Qāsim, Ğabra Ibrahim Ğabra e chiaramente Maḫmoud Darwish – altri di due autori contemporanei: il celebre scrittore Ibrahim Nasrallah e il giovane poeta e attivista Moḫammad el-Kurd, contiene al proprio interno alcune tematiche chiave della cultura palestinese.

Visitando la mostra si può anche ascoltare il podcast Until liberation II a cura di Learning Palestine & Radio Alhara. Il podcast è un palinsesto di lezioni, conferenze, poesie, musiche e canti per immaginare modi di agire insieme, per abbattere i muri e i confini che ci separano, per una pace giusta in Palestina.